2 aprile: giornata della consapevolezza sull’autismo

2 aprile

Ci siamo: Il 2 aprile è il giorno della consapevolezza sull’autismo! Il nostro sito ha proprio questo scopo. Per celebrare questo giorno vi presentiamo un video molto bello.
Si tratta di una storia raccontata alla maniera di Sesame street. Questa serie televisiva, nota in Italia come Muppet Show, si è interessata molto di autismo, arrivando a creare un personaggio con autismo di nome Julia. Ne abbiamo parlato già lo scorso anno, perché ci è sembrato, quello fatto dagli autori, un ottimo lavoro, tanto più encomiabile, perché rivolta ai bambini. Far conoscere il perché di alcuni comportamente dei bambini con autismo è molto utile. Spiegarlo in modo chiaro e semplice (e anche divertente) è sicuramente un’opera meritoria cui fare il nostro plauso. Sottolineo anche la semplicità e la bellezza del testo della canzone finale che sottolinea come la diversità di ognuno di noi sia ciò che ci rende quello che siamo, in modo… fantastico.

Video da Sesame street


2 aprile: giornata della consapevolezza sull’autismo

2 aprile

Ci siamo: Il 2 aprile è il giorno della consapevolezza sull’autismo! Il nostro sito ha proprio questo scopo. Per celebrare questo giorno vi presentiamo un video molto bello.
Si tratta di una storia raccontata alla maniera di Sesame street. Questa serie televisiva, nota in Italia come Muppet Show, si è interessata molto di autismo, arrivando a creare un personaggio con autismo di nome Julia. Ne abbiamo parlato già lo scorso anno, perché ci è sembrato, quello fatto dagli autori, un ottimo lavoro, tanto più encomiabile, perché rivolta ai bambini. Far conoscere il perché di alcuni comportamente dei bambini con autismo è molto utile. Spiegarlo in modo chiaro e semplice (e anche divertente) è sicuramente un’opera meritoria cui fare il nostro plauso. Sottolineo anche la semplicità e la bellezza del testo della canzone finale che sottolinea come la diversità di ognuno di noi sia ciò che ci rende quello che siamo, in modo… fantastico.

Video da Sesame street


Braccialetti identificativi per la sicurezza dei ragazzi con autismo

In questo video si parla di un argomento davvero importante: braccialetti identificativi. All’inizio, dopo aver visto la stanza ridotta male da Abigail per qualche crisi passeggera, il padre parla di uno speciale braccialetto da far indossare ad Abi nel caso si smarrisse (spesso cerca di scappare). Sul braccialetto c’è il simbolo dell’autismo e i nomi e i recapiti dei genitori. È un prodotto molto utile, basti pensare a quante volte i ragazzi con autismo si smarriscono. Sarebbe sicuramente interessante riuscire a far indossare anche quei piccoli oggetti che permettono di vedere la posizione di chi li porta tramite lo smartphone.
Continue reading “Braccialetti identificativi per la sicurezza dei ragazzi con autismo”

Christopher Duffley

Una canzone stupenda di Christopher Duffley, cantante di 16 anni non vedente ed autistico, che vi riproponiamo con i sottotitoli in italiano. Questo ragazzo ha un grande talento ed è ancora giovanissimo, per cui non ci resta che continuare a seguirlo. Nonostante le sue disabilità e il fatto di essere nato in una situazione familiare davvero difficile, è riuscito ad andare avanti e a trovare dentro di sé la forza per comunicare con le altre persone attraverso il canto e non solo. È infatti promotore di molte iniziative anche in favore dell’autismo. La sua è una storia molto interessante che cercheremo di raccontare in maniera più estesa prossimamente.

Continue reading “Christopher Duffley”

Atypical, la serie netflix su un ragazzo autistico arriva l’11 agosto

Una bella storia

Una bella storia sulla relazione tra due ragazzi non neurotipici. Sam, infatti, è un ragazzo autistico e ha 28 anni. Vive con la madre, ha un buon carattere, è di poche parole e ha ritrovato una vecchia amica su Facebook. Tania ha 27 anni, ma, ci dice la madre, ha la mentalità di un’adolescente ancora. I due ragazzi hanno due personalità diverse, Sam è taciturno, mentre Tania è molto loquace. Le madri li supportano nella loro vita quotidiana e li aiutano anche a fare in modo che si incontrino. Non voglio raccontarvi altro, perché la storia è molto bella.

Continue reading “Sam ha un appuntamento (relazioni e autismo)”

Migliorare le abilità dei ragazzi con autismo, una testimonianza

In questo video del 2008 si parla dei progressi di una ragazza con autismo che non parlava fino all’età di 5 anni. Storie come questa, da guardare sempre in modo critico, possono far riflettere sull’importanza di un intervento precoce e sui pregiudizi verso i ragazzi con autismo. Anche se un ragazzo non parla fino ad una certa età, non significa che non possa farlo. Capire come alcuni ce l’abbiano fatta può aiutare anche altre famiglie a cercare di usare le stesse strategie. A detta della madre di Chanell, è stato necessario un impegno quotidiano per farle dire la prima parola a 5 anni. Come ho detto prima, occorre sempre ascoltare in modo critico quello che vediamo in queste testimonianze, ma è certo che i ragazzi con opportune strategie possono fare grandi progressi.
Continue reading “Migliorare le abilità dei ragazzi con autismo, una testimonianza”